BAREI LASCIA IL CEDARCHIS

barei
Alessandro Barei in una foto tratta dal suo profilo Facebook

Il pareggio subito in rimonta domenica scorsa a Paluzza ha scatenato una specie di terremoto in casa Cedarchis: sono arrivate le dimissioni del presidente Alessandro Barei, definite dallo stesso irrevocabili. Abbiamo raggiunto telefonicamente Barei, il quale ci ha dato la sua versione dei fatti.
Allora, presidente, cosa è successo?

“Domenica scorsa, al termine della partita col Paluzza, anziché lavare i panni sporchi in casa, come si fa in situazioni del genere, è successo un putiferio al chiosco. Nei dopo partita, si sa, la tensione è sempre alta e avremmo fatto meglio a definire le questioni tra di noi. Era già da qualche settimana che notavo scarso impegno negli allenamenti, che a mio modo di vedere, dovrebbero essere più articolati e completi e non durare un’ora scarsa, soprattutto per una squadra che sta attraversando un periodo particolarmente tribolato per indisponibilità e infortuni. Concetti che ho ribadito nel post gara di Paluzza. A quel punto sono stato attaccato da Claudio Pradolin,  che forse per giustificare le proprie responsabilità ha iniziato a criticarmi anche in maniera verbalmente violenta, accusandomi di non aver saputo allestire un organico in linea con le ambizioni di una squadra come il Cedarchis. La discussione è diventata piuttosto accesa e a quel punto, l’accompagnatore ufficiale Luciano Candoni si è offerto come capro espiatorio, rassegnando le proprie dimissioni non mancando di stigmatizzareil mio comportamento;  io le ho respinte, in quanto non  era lui il bersaglio delle mie critiche”.

E nei giorni successivi, quali sono stati gli sviluppi?

“So che il lunedì  c’è stato un incontro tra alcuni dirigenti del Cedarchis, incontro al quale non sono stato invitato. In questo incontro si è deciso di fare un allenamento il giorno successivo. La seduta è stata condotta da Fabio Rella e Mauro Serini. Alla fine dell’allenamento, però, Rino Rainis, ha di fatto richiamato Pradolin e Candoni, chiedendo loro il reintegro nei ranghi. Non potevo, naturalmente, condividere questa scelta e a quel punto sono stato io a farmi da parte” .

Finisce qui, allora, il rapporto col Cedarchis?

“Assolutamente sì. Credo di non aver nulla di cui rimproverarmi, nel senso che ho accettato l’incarico propostomi dalla dirigenza giallorossa con entusiasmo, convinto di poter mettere a disposizione della società le mie risorse, il mio carisma, il mio impegno e la mia conoscenza dell’ambiente del calcio maturata in tanti anni di militanza. Non è andata così, pazienza, ma non potevo più restare in un posto dove mi sentivo ridotto a fare la figura dell’autista e di quello che porta qualche soldino. Avrei anche potuto accettare questo ruolo ma dovevo sentirmi prima di tutto il presidente”.

Queste le parole di Alessandro Barei. Al Cedarchis, naturalmente, il diritto di replica.

 

2 Comments

Comments are closed.

Subtitle

Per la tua pubblicità

Some description text for this item

Subtitle

Approfondimenti

Some description text for this item

Subtitle

TECHNICAL PARTNER

Some description text for this item

Ufficio PubblicitàRadio Studio Nord e-mail: spot@rsn.itT +39 0433 40690
Redazione Radio Studio Nord e-mail: carnico@rsn.it
Link Utili FIGC Tolmezzo
Precedenti Stagioni 2018 2017 2016 Altre edizioni