MANDI, BENITO …

Bemnto Candoni, un simbolo del Real.
Bemnto Candoni

Da oggi, il Real Imponzo e Cadunea ha un tifoso in meno: se n’è andato Benito Candoni, un pezzo di storia del sodalizio biancorosso. Se n’è andato in silenzio, quasi di sorpresa, lasciandoci tutti un po’ più soli. Perché Benito Candoni era sì un patrimonio del Real Imponzo e Cadunea (al quale ha regalato vita ed energia), ma era soprattutto un personaggio dell’intero Carnico. Chi scrive aveva un rapporto speciale con Benito. Strano, proprio lui che ce l’aveva su coi giornalisti, rei, a suo modo di vedere di non essere mai troppo precisi. Una volta, qualche anno fa, quando il male vigliacco che l’ha colpito ancora doveva presentarsi, mi disse che ero l’unico che scriveva sempre “Real Imponzo e Cadunea” (quando si parlava della squadra) e “Sergio Pittoni” (quando si parlava del campo: a lui la parola “Maracanà” proprio non andava giù …). Una vita spesa per il Real Imponzo e Cadunea (continuerò a chiamarlo e scriverlo così, per sempre, Benito: te lo devo!) tanto che la moglie Maria (sposata un anno prima della fondazione della squadra) si è chiesta spesso chi fosse più importante, per lui,  tra lei e i ragazzi in biancorosso … Pane e Real Imponzo e Cadunea, tutti i giorni, perché lui non saltava un allenamento e poi c’era da curare il campo … E la domenica, dopo pranzo, prima delle partite, pranzo e gocce di tranquillante, che poi, detto tra noi, non è che facessero tutto questo effetto. Se la squadra perdeva, Benito dopo un’ora era a casa ad inveire contro l’arbitro (perché le sconfitte erano sempre colpa dell’arbitro!) e se invece vinceva, beh, l’ora di rientro era imprecisata. Una passione trasportata dentro alla famiglia: le due figlie hanno sposato due giocatori del Real Imponzo e Cadunea: Stefania con Enrico Bertolini e Claudia con Loris Larcher. Subito dopo la malattia ci fu un periodo in cui la sua squadra quasi sembrava non interessargli più: andavano in molti a trovarlo, ma lui, niente, rimaneva quasi indifferente, con un velo di tristezza negli occhi. Poi, un bel giorno, qualcuno provò con quella che si rivelò un efficace terapia d’urto: tutta la squadra al completo andò a casa Candoni. Quando li vide tutti insieme iniziò a piangere, ridere, scuotere la testa e in pochi minuti l’ “amore” sopito riesplose più forte di prima. E quindi, via, di nuovo al campo: con l’immancabile canottiera, la camicia slacciata, il fazzoletto in testa o il berretto. E la voce che non esce, l’insulto all’arbitro che non parte e via a soffrire, imprecare, gioire o disperarsi per il suo Real Imponzo e Cadunea. Una cosa ci fa molto piacere e credo possa servire di consolazione ai suoi cari: il destino, che mica l’aveva trattato troppo bene, ha voluto risarcirlo. Ha spostato di qualche giorno il momento di portarcelo via, facendolo partecipare ai 50 anni del suo Real Imponzo e Cadunea. Quel giorno gli feci un foto e voglio che questa foto, adesso ti accompagni. Per sempre. Ecco, Benito, ora puoi andare: di questo mezzo secolo della squadra sei stato uno dei protagonisti e quaggiù lo sanno tutti. Ma nessuno ha voluto portarti via dal TUO campo: ti hanno allestito lì la camera ardente. Un omaggio perché tu possa portare il Real Imponzo e Cadunea oltre la vita.

Ma adesso vai, vai via  in pace e che la terra (con qualche zolla d’erba che conoscendoti ti farà piacere …) ti sia lieve. Secondo me sei già lì a discutere con Sergio Pittoni. Di cosa? Ne riparliamo a ottobre …

(I funerali si terranno giovedì 25 agosto alle ore 15 nella chiesa parrocchiale di Cadunea, partendo dal campo sportivo “Pittoni” di Imponzo)

11 Comments

  • Posted 23 Agosto 2016 15:49 0Likes
    by Toto

    Bravo Massimo,un bel ricordo,pieno d’amore dettato dal cuore,quando si scrivono certe cose e nel modo in cui le hai esposte,vuol dire che è frutto di profondo dolore per la scomparsa di un bel personaggio come Candoni.Complimenti!!!❤️

  • Posted 23 Agosto 2016 16:03 0Likes
    by Maurizio Stefanutti

    Un altro pezzo di storia se ne va. Ponse in paş Benito e grazie di tutto quello che hai fatto. Mandi

  • Posted 23 Agosto 2016 18:20 0Likes
    by Lucia

    Massimo Di Centa. ….complimenti x il bellissimo articolo. Mi sono commossa, tanto che stanno ancora scendendo le lacrime. E credo in chiunque conoscesse Benito. Sicuramente è venuto a mancare un gran personaggio.
    A luglio in occasione di cedarchis real l’ho visto l’ultima volta. ……attirata dalla sua voce sono andata a sbaciucchiarlo.
    Sentite condoglianze a tutti i familiari Lucia e Davide

  • Posted 23 Agosto 2016 19:41 0Likes
    by Renato Damiani

    E’ stato sabato scorso in occasione della festa per i cinquantanni del Real Ic che ho riservato all’amico Benito l’ultimo (dei tanti) abbracci e la calorosa stretta di mano accolti con il solito sorriso che sostituiva quanto avrebbe voluto dire. Il Carnico ha perso un’altro dei suoi protagonisti ma restano i suoi insegnamenti e lo sfrenato e morboso amore per i “suoi” biancorossi di … Imponzo e Cadunea.
    Riposa in pace, amico mio.

  • Posted 23 Agosto 2016 21:48 0Likes
    by Alberto urban

    Ciao zio, mi hai sempre dimostrato tanto affetto. Rip

  • Posted 23 Agosto 2016 21:52 0Likes
    by Daniele Candido

    …ancora tanta tristezza, quando ci lasciano persone così speciali…
    Grazie a Massimo Di Centa per il suo articolo, giusto tributo ad una persona che ha fatto la storia del Real e del Carnico.
    Condoglianze.

  • Posted 24 Agosto 2016 09:59 0Likes
    by A.S.D. TRASAGHIS

    l’asd trasaghis, profondamente commossa, partecipa al dolore della famiglia e dell’ asd real i.c. per la perdita del caro Benito Candoni, storico ed ineguagliabile dirigente!

  • Posted 24 Agosto 2016 14:06 0Likes
    by Daniele Tomat

    Una delle persone che hanno segnato positivamente la mia gioventù. Giocare su quel prato era un onore per tutti noi e la passione che mettevi quando seguivi tutte le partite del Real, dai pulcini alla prima squadra, era impareggiabile. Mandi Benito e grazie di dut.

  • Posted 24 Agosto 2016 16:50 0Likes
    by pompeo

    Oltre che ha litigare con Sergio sarà gia incavolato con qualche giocatore che entra nel suo campo con i tacchetti d’acciaio…..mandi Benito e grazie…un abbraccio alla famiglia

  • Posted 24 Agosto 2016 20:16 0Likes
    by Rosella

    Mandi Benito. Un abbraccio grande a Maria, Stefania, Claudia e famiglie.

  • Posted 27 Agosto 2016 23:22 0Likes
    by Nelly Cucchiaro

    Ti mancavano le parole caro BENITO ma non le emozioni quando insieme cantavano “la strada del bosco…” questo è il mio ricordo insieme a tutto l’affetto che la tua famiglia ti ha regalato e che ho ricevuto.
    ti abbraccio e vi abbraccio!
    Nelly

Comments are closed.

Subtitle

Per la tua pubblicità

Some description text for this item

Subtitle

Approfondimenti

Some description text for this item

Subtitle

TECHNICAL PARTNER

Some description text for this item

Ufficio PubblicitàRadio Studio Nord e-mail: spot@rsn.itT +39 0433 40690
Redazione Radio Studio Nord e-mail: carnico@rsn.it
Link Utili FIGC Tolmezzo
Precedenti Stagioni 2018 2017 2016 Altre edizioni