LA VAL DEL LAGO CONQUISTA LA SUPERCOPPA

vdl

VAL DEL LAGO – REAL I.C. 5 – 3 dopo i rigori (al 90’ 1 – 1)

Dopo la Coppa Carnia, la Val del Lago porta a casa anche la Supercoppa, coronando una stagione memorabile, impreziosita anche da un sesto posto in campionato e ripetendo, tre anni dopo, il double riuscito al Bordano, appunto nel 2013. La finale di Tolmezzo si è rivelata una disfatta per chi si azzarda a far previsioni e pronostici. Quelli del meteo hanno clamorosamente toppato: avevano parlato di piogge torrenziali e tempo da lupi ed invece all’ora del fischio d’inizio c’era un cielo quasi totalmente azzurro ed un temperatura di 18 gradi! Quelli che si occupano di cose di calcio avevano dato per praticamente fatta la doppietta del Real I.C. Previsioni e pronostici … rigorosamente sbagliati. E l’avverbio “rigorosamente” non è stato messo lì a caso, perché questa doppia vittoria in Coppa della Val del Lago è un storia fatta proprio di rigori: quelli battuti dopo il 90’ nella sfida col Real (terminata 1 a 1) e quelli evitati dal … rigore sbagliato da Del Linz nei minuti di recupero della finale di Coppa dei Mobilieri. Ma di rigori e … avverbi non resterà traccia negli albi d’oro delle manifestazioni, dove invece ci sarà il nome della Val del Lago.

La partita, per lunghi tratti, è stata la classica partita di fine stagione: slanci al minimo sindacale, tanti errori ed altrettanta approssimazione, come è normale che sia. Il che non significa che sia stata noiosa. Primi minuti caratterizzati da una lunga sequenza di passaggi sbagliati e lanci fuori misura, poi, dopo il quarto d’ora esce il Real che mette insieme un paio di buoni azioni ed alla terza fa centro, quando Cimenti innesca Cecconi abile ad incunearsi nella difesa avversaria e a battere Candido, uscitogli incontro, con un tocco preciso sul primo palo. La Val del Lago, anziché abbattersi, ritrova un po’ di energia e nel suo momento migliore coglie il pari con Daniele Rossi sr che su azione d’angolo, inzucca, all’altezza del primo palo, il pallone del pareggio nonostante De Giudici riesca a toccare la sfera. Nella ripresa, si vede più il Real, che nel giro di un paio di minuti potrebbe davvero chiudere il discorso. Sono due decisioni (contestate dall’ambiente biancazzurro) del direttor di gara Agostinis a infiammare la finale poco prima della mezzora: dapprima caccia dal campo Picco per un’entrata decisa (roba da arancione, insomma), poi qualche secondo dopo, su segnalazione di un proprio collaboratore, fischia un rigore per i biancorossi: succede che su un cross dalla destra, Fabbro, appena dentro la propria area, tocchi il pallone con un braccio. Forse la sfera carambola prima sulla testa del giocatore, ma è innegabile il fatto che le braccia del difensore erano tutte e due alzate, in posizione non congrua, come si dice in questi casi. Fatto sta che Mori dal dischetto batte malino e si resta 1 a 1. Da quel momento alla fine succede poco e quindi si va sul dischetto. Inizia Di Gianantonio ma De Giudici para la sua conclusione. Tocca a Marvin Matiz che non sbaglia. Il gol di Cussigh ridà fiducia ai suoi, fiducia aumentata dalla parata di Candido sul penalty di Mori (ancora! …). La parità si interrompe coi due rigori successivi: Danelutti segna, mentre Graziano Morassi spara altissimo. Il gol di De Cecco, poi, obbliga Cimenti a non poter sbagliare e il “Cime” (con un’insolita testa rasata) infatti non sbaglia. Il quinto rigore della Val del Lago tocca a Daniele Rossi sr, il capitano: rincorsa e gol! Curioso notare che a “tradire” il Real siano stati due specialisti come Mori e Graziano Morassi. Succede. Poi è solo festa per i giocatori di Franco D’Agaro che cantano “i campioni della Carnia siamo noi”. Vanno avanti un bel po’ applauditi da quelli del Real che prima applaudono e poi rivendicano il titolo vinto sei giorni fa, iniziando (anche loro) a cantare “i campioni della Carnia siamo noi”. Momento bello, perché ai cori degli uni rispondevano gli applausi degli altri. Il modo migliore per chiudere una stagione avvelenata dalle polemiche su onorare le maglie, biscotti e presunti scarsi impegni.

6 Comments

  • Posted 15 Ottobre 2016 23:11 0Likes
    by Igor C.

    Articolo superbo. Cronaca e risultato a parte, le ultime 7 righe sono l’essenza della sportività. Complimenti

  • Posted 15 Ottobre 2016 23:13 0Likes
    by Stefano vidoni

    Onore ai vincitori

  • Posted 16 Ottobre 2016 09:05 0Likes
    by forgiarini ermes

    complimenti per questa annata sportiva straordinaria. Grande Franco!
    ASD CAMPAGNOLA

  • Posted 16 Ottobre 2016 14:02 0Likes
    by Daniele Candido

    Condivido quanto scritto da Igor e ringrazio il Bomber Stefano Vidoni.

  • Posted 16 Ottobre 2016 20:04 0Likes
    by Gianca

    Complimenti a val del lago, ed in particolare a Daniele Candido che ha fatto una grande prestazione.
    Saluti a tutti … e auguri x un carnico 2017 sempre più bello

  • Posted 17 Ottobre 2016 07:41 0Likes
    by edoardo figliola

    ………..spesso VINCE anche il CALCIO APPASSIONATO!!!!!!!

Comments are closed.

Subtitle

Per la tua pubblicità

Some description text for this item

Subtitle

Approfondimenti

Some description text for this item

Subtitle

TECHNICAL PARTNER

Some description text for this item

Ufficio PubblicitàRadio Studio Nord e-mail: spot@rsn.itT +39 0433 40690
Redazione Radio Studio Nord e-mail: carnico@rsn.it
Link Utili FIGC Tolmezzo
Precedenti Stagioni 2018 2017 2016 Altre edizioni