GILBERTO BUZZI: «LO SCORSO CAMPIONATO NON È UN PUNTO D’ARRIVO»

Gilberto Buzzi e i Mobilieri ripartono dallo spareggio dello scorso anno perso contro il Cavazzo. Un campionato buttato via (lasciatecelo dire) però sette giorni prima, nell’ultima giornata a Cercivento. Ma secondo il tecnico sutriese, quella partita non va dimenticata, anzi.

«Quella partita – conferma Buzzi – deve far capire a tutti noi che si riparte da zero. Dimenticare il risultato, ma fare tesoro di quanto è successo. Se qualcuno considera lo scorso campionato un punto d’arrivo, allora significa che non ha capito nulla del mio modo di intendere il calcio e la voglia costante, insistente, martellante di migliorarsi. Migliorarsi soprattutto nella personalità, nella capacità emotiva di gestire quelle partite che possono rappresentare la chiave di una stagione».

Magari sono momenti di crescita, un percorso necessario per diventare vincenti…
«Sicuramente, ma i miei giocatori devono interpretarlo come tale, sennò diventa il punto di arrivo delle nostre ambizioni. Già dalle prime sedute di allenamento sto lavorando molto su questo concetto, dicendo ai miei ragazzi che quest’anno sarà ancora più difficile, perché un po’ tutti ci aspettano al varco, Del resto, però, sono consapevole che allenare un gruppo composto da giocatori giovani , fatta eccezione per un paio di elementi, non è semplice. La costanza, la cattiveria agonistica, la continuità si acquisiscono anno dopo anno. Per fortuna so di avere a disposizione gente seria; e per serietà intendo l’impegno, il sacrificio, la voglia di rinunciare a qualcosa per il fatto che si è preso un impegno nei confronti di società, allenatore e compagni di squadra. Credo che il Carnico, negli anni, abbia perso parte di questi valori. Chi gioca si deve assumere delle responsabilità, anche se partecipiamo ad un torneo che è il massimo del dilettantismo».

Ma la società cosa ti ha chiesto?
«La società ha un sogno, quello di riportare il titolo a Sutrio dopo tanti anni. È normale che sia così, ma i sogni quasi sempre si scontrano con la realtà e la realtà è dura, spietata. Devo dire, però, che a Sutrio si lavora benissimo, senza pressioni, perché tutti conoscono le regole dello sport».

Siete sostanzialmente gli stessi dello scorso anno.
«Più o meno siamo quelli, ma abbiamo aggiunto qualche pedina: sono arrivati Devis Plazzotta in porta, Federico De Antoni dall’Ovarese e Davide Valle dal Paluzza a centrocampo; poi ci sono i rientri dai prestiti di David Chiapolino dal Ravascletto e Cristian Marsilio dal Timaucleulis. La stagione non è iniziata benissimo perché, durante un’amichevole precampionato, si è infortunato Maurizio Vidali. Ha un ginocchio che lo tormenta da qualche tempo e dopo questa amichevole si è ripresentato. Era davvero avvilito “Meuta”, ma cercheremo di recuperarlo in tempi brevi, soprattutto dal punto di vista del morale, perché lui è uno molto importante per il nostro gioco».

A proposito di gioco, come farai giocare i “belli gialli”?
«Credo che i moduli siano relativi, per cui mi affiderò alle caratteristiche dei giocatori a disposizione. Il modulo può dipendere dalle defezioni di qualcuno o dalle esigenze particolari di un match. Possiamo giocare a 3 o a 4 dietro, viste le caratteristiche dei miei difensori: credo che la mia difesa sia una delle migliori nel panorama del campionato. Chiaro che se gioco a 4 pretendo esterni di qualità, pronti a sovrapposizioni e sempre attenti a fare la doppia fase di copertura e spinta».

La tua idea sulle difficoltà del Carnico.
«Ribadisco quanto espresso da molti miei colleghi: la qualità delle squadre si alza se si abbassa il numero delle squadre. Spalmare giocatori bravi in un numero inferiore di squadre sminuirà magari il senso del campanile, ma di sicuro aumenterà il livello medio qualitativo. Per farlo bisogna partire dalla base, però, cercando la formula giusta per la creazione di squadre di vallata per partecipare ai campionati provinciali. Un modo di crescere, confrontarsi con altre realtà e restituirci giovani in grado, poi, di elevare la qualità delle prime squadre».

2 Comments

  • Posted 11 Aprile 2019 19:33 0Likes
    by Sdn

    Belli gialli!

  • Posted 12 Aprile 2019 12:17 0Likes
    by Rosy

    Grande Buzzi ,in bocca al lupo…..crepi ,per il prossimo campionato.

Comments are closed.

Subtitle

Per la tua pubblicità

Some description text for this item

Subtitle

Approfondimenti

Some description text for this item

Subtitle

TECHNICAL PARTNER

Some description text for this item

Ufficio PubblicitàRadio Studio Nord e-mail: spot@rsn.itT +39 0433 40690
Redazione Radio Studio Nord e-mail: carnico@rsn.it
Link Utili FIGC Tolmezzo
Precedenti Stagioni 2018 2017 2016 Altre edizioni